Blue Whale: il gioco della morte arriva in Italia, due bambine adescate

Attenzione per genitori e insegnanti!!!!!

La balena azzurra, suicidarsi per gioco: Il “gioco” dell’orrore ha già ucciso 157 adolescenti in Russia.

in allerta polizia e anche gli insegnanti: “Non sottovalutiamo i segnali”.

È un gioco di adescamento on line, che prevede 50 prove in 50 giorni impartite da un cosiddetto “tutor” e che fa leva sull’autolesionismo dei teenagers. «I ragazzi devono capire che si tratta di fenomeni insidiosi, che prevedono la manipolazione psicologica della vittima per indurla a commettere atti contro se stessa», spiega Fabiola Silvestri, dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni

Non è Moby Dick, la balena bianca. Si chiama Blue Whale, Balena Blu, e non c’entra nulla con Melville, con il mare, con la sete di libertà (o forse sì?). È il nuovo incubo della Rete, terrificante perché dai contorni incerti.

«È un fenomeno che fa leva sulla vulnerabilità dei ragazzi».

Di Blue Whale in Italia si sta parlando molto nelle ultime settimane, alcuni casi di cronaca (a Pesaro, in Toscana) che hanno coinvolto teenagers colti in atti di autolesionismo o presunto tentato suicidio hanno aperto il vaso di Pandora. I recenti servizi delle Iene, il noto programma di Italia 1, (Suicidarsi per gioco, uno stralcio qui) hanno fatto il resto: ragazzini e genitori hanno cominciato a ‘prendere confidenza’ con questo nome dall’aria beffardamente innocente.

Ma di che cosa si tratta, esattamente?

Si presenta come un gioco di adescamento on line, che prevede il passaggio attraverso 50 prove in 50 giorni (tra cui la “sveglia alle 4 della mattina”, i “tatuaggi con i temperini sul corpo”) impartite da un cosiddetto “tutor” ai suoi seguaci, tramite diversi social. Un climax di comportamenti autolesionisti che culmina dell’istigazione al suicidio.

Blue Whale, ancora adolescenti caduti nella rete del “gioco del suicidio”. E’ emergenza

Necessario rinsaldare l’alleanza educativa. «Blue whale» o meno, rispondiamo al disagio

Lascia un commento