A scuola positiva, genitori denunciati per epidemia colposa e violazione quarantena

Nel Riminese sono stati denunciati i genitori di una bambina mandata a scuola, nonostante fosse in attesa di conoscere l’esito del tampone a cui era stata sottoposta per la positività del padre al Covid 19. L’accusa è epidemia colposa e violazione alla legge sulla quarantena.

La bambina, dopo l’esito, era risultata positiva. Il fatto è accaduto lo scorso 8 aprile, quando la madre si era recata a scuola per riportare a casa la bambina perché risultata positiva.

L’Ausl ha fatto subito scattare le quarantene, mentre la dirigenza scolastica ha fatto partire una segnalazione ai carabinieri. L’episodio non sarebbe l’unico: alla Procura della Repubblica sarebbero stati presentati diversi esposti di genitori contro altri genitori per aver mandato i figli a scuola in attesa di esito del tampone.

I dirigenti scolastici avrebbero più volte invitato i genitori al rispetto dei protocolli.

Lascia un commento